37 Visite

Domotica nelle case: cos’è, come funziona, vantaggi 5/5 (1)

Che cos’è la domotica e a cosa serve

La domotica, dal latino domus (casa) può essere definita come la scienza dell’automazione delle abitazioni, ovvero lo studio delle diverse tecnologie volte al miglioramento, all’aumento dell’efficienza e alla semplificazione della vita all’interno di un’abitazione. La domotica consente di aumentare sensibilmente le prestazioni degli impianti presenti in casa, integrando allo stesso tempo nuove funzioni quali controllo da remoto, comfort, maggiore sicurezza e risparmio energetico, grazie all’ottimizzazione dei consumi. 

Ma quali sono i vantaggi della domotica? I vantaggi sono davvero molti, tra i più importanti sottolineiamo una resa degli spazi più sicura ed efficiente, una riduzione dei costi di energia e, in generale dei costi di gestione dell’ambiente domestico, infine la possibilità di rendere una casa completamente interconnessa, così da poterla controllare e gestire anche da remoto, in tutta serenità.

La sola e unica condizione necessaria per il corretto funzionamento dell’impianto domotico è possedere una connessione internet efficace e stabile. Vodafone ha molteplici promozioni con internet illimitato fino a 1 Gbps.

Analizzando i pro e contro della domotica possiamo stabilire, in linea generale, che la domotica rappresenta un vantaggio in quanto fornisce una maggior efficienza energetica, la possibilità di controllare la casa da remoto o tramite comandi vocali, un’automatizzazione dei processi e la totale personalizzazione di ogni aspetto legato all’impianto domotico. Tra i contro della domotica, segnaliamo il costo iniziale dell’impianto, la necessaria dipendenza da una rete internet, eventuali problemi che si possono riscontrare al momento del setup e della configurazione dell’impianto. 

Installazione di un impianto domotico

Domotica

Prima di procedere all’installazione di un impianto domotico è necessario progettarlo nei minimi dettagli. Trattandosi di un’evoluzione dell’impianto elettrico tradizionale dobbiamo parlare di progettazione impiantistica integrata, in quanto gli impianti non saranno indipendenti ma interagiranno in modo costante l’uno con l’altro. 

Per quanto concerne il cablaggio e il montaggio fisico dei componenti, è bene affidarsi a un elettricista competente che opererà sotto la guida di un system integrator (progettista domotico), che sarà presente non solo in fase di progettazione ma in tutte le fasi di realizzazione dell’impianto domotico.Sebbene l’installazione di un impianto domotico costituisca un investimento anche importante in termini monetari non dobbiamo dimenticare che la sua presenza aumenta il valore immobiliare della nostra abitazione, qualora decidessimo di venderla. 

Se non vogliamo rivolgerci a un esperto, esiste la possibilità di realizzare un impianto domotico home made, grazie alla presenza sul mercato di kit specifici, assemblabili nel giro di un’ora. Questi particolari kit, hanno un costo variabile a seconda del numero di apparecchi che desideriamo controllare, ma in generale si aggira tra i 200 e i 700 euro. Pur rappresentando un risparmio importante rispetto all’ingaggio di un esperto, non dobbiamo dimenticare che l’impianto domotico è un meccanismo complesso quanto innovativo, e, se non si è esperti in materia, potrebbero insorgere problemi al momento dell’installazione, e si potrebbe pregiudicare l’efficienza dell’intero impianto. 

Efficienza energetica e risparmio

Uno degli aspetti più vantaggiosi che provengono dall’abitare in una casa domotica è certamente l’efficienza energetica e, di conseguenza, il risparmio nella bolletta. Grazie al monitoraggio costante e automatico del consumo elettrico saremo infatti in grado di tenere sempre sotto controllo il consumo di tutti gli elettrodomestici di casa. Un esempio di questo sono le prese intelligenti, predisposte apposta per monitorare i valori di energia consumata dall’impianto. Alcuni modelli più recenti possiedono un meccanismo di spegnimento forzato, qualora si dovesse superare la soglia di consumo da noi stabilita.

Un altro esempio è dato dai termostati intelligenti, in grado di accendersi e spegnersi in automatico a seconda di parametri personalizzati, così da evitare ogni spreco di energia mentre ci troviamo fuori dalla nostra abitazione. I modelli più efficienti sono in grado anche di programmare il riscaldamento a seconda della temperatura esterna e a seconda se ci troviamo o meno all’interno dell’abitazione. 

Anche gli impianti di illuminazione intelligente servono ad ottimizzare l’efficienza energetica di una casa domotica. Una volta installato infatti, regolerà in maniera del tutto automatica l’accensione della luce quando una persona entra in una stanza, mantenendola accesa per tutto il tempo di permanenza, spegnendosi solo quando la persona lascerà la stanza. Una soluzione davvero smart che, oltre a semplificare sensibilmente la vita, eviterà qualunque tipo di spreco.
Con la consapevolezza delle proprie abitudini e la stipulazione della giusta offerta luce, il risparmio sarà effettivo. 

Si prega di valutare questo

Preventivo

Be the first to comment on "Domotica nelle case: cos’è, come funziona, vantaggi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*